Ricetta Pizza e Minestra
0
Delizia italiana - Prodotti gourmet online dal Molise - Igro.it

Tra i piatti più antichi della tradizione molisana, c’è la famosissima pizza e minestra. Conosciuta anche con  il nome di  “pizza d randin”, la pizza di mais è un pane molto povero e semplice, che anticamente si cuoceva “sotto la coppa”, ossia nel camino, sotto un coperchio di ferro ricoperto da carboni ardenti, ma può essere cotta anche in forno. Ecco a voi la ricetta della pizza e minestra preparata da Sara.

Ingredienti per la pizza di mais:
– 500 g di farina di mais “Agostinello”
– 15 g di sale
– acqua bollente quanto basta
– olio extravergine d’oliva quanto basta

In una ciotola disporre la farina di mais e pian piano aggiungere l’acqua bollente, aggiungere il sale, impastare fino ad ottenere un impasto non eccessivamente morbido. Tradizionalmente si impasta con le mani ma, per evitare di ustionarsi, può essere utile servirsi di un cucchiaio di legno nella prima fase.

Lasciar riposare l’impasto ottenuto per una decina di minuti, per poi disporlo in una teglia cosparsa con un po’ d’olio (diametro 24cm). Una volta steso l’impasto, formare una croce con un coltello oppure con il dito, e massaggiare la superficie della pizza con una piccola quantità di olio. La cottura è in forno statico a 200° per 50-60 minuti.

 

Ingredienti per la “minestra”:
-1kg cime di rapa fresche (a Campobasso si chiamano “spigatelli”)
-500 gr cicoria fresca
-olio extravergine d’oliva quanto basta
-sale quanto basta
-peperoncino (facoltativo)
-listarelle di pancetta (facoltativo)

 

Mondare le verdure e lessarle separatamente in acqua salata. In un tegame far soffriggere aglio, olio e peperoncino e ripassare le verdure. Dopo qualche minuto, eliminare l’aglio e aggiungere un bicchiere di acqua calda. Rompere con le mani la pizza di mais e metterla nel tegame insieme alla verdura. Far insaporire per una decina di minuti. Servire calda.

La ricetta della pizza e minestra è completa ma, per i più audaci, può essere gustata anche con aggiunta di salsiccia o pancetta, a seconda dei gusti. C’è solo l’imbarazzo della scelta…

Buon appetito da Igro!

0

TOP

X